Estrinsecazioni stilistiche delle artiste catanesi Nelly D’Urso e Claudia Viglianisi.

Visite: 4689

Fino al 29 aprile Palazzo Recupero – Cutore di Aci Bonaccorsi (Catania) propone la mostra bipersonale ”Estrinsecazioni stilistiche” delle artiste catanesi Nelly D’Urso e Claudia Viglianisi.
Organizzata dall’Accademia Federiciana, la mostra, curata dal critico d’arte Fortunato Orazio Signorello, rientra tra le iniziative ufficiali promosse dal Comune di Aci Bonaccorsi per la XXIII Festa di primavera.
L’esposizione accoglie opere (dipinti e sculture) che mettono a nudo il talento creativo delle 2 valide artiste; la cui formazione è avvenuta nel segno di una continua ricerca di approfondimento e di espressione di tecniche.
Patrocinata dall’amministrazione comunale e dalla Pro loco di Aci Bonaccorsi, la mostra mette in evidenza, attraverso le opere esposte, l’espressione artistica come mezzo di comunicazione, come manifestazione esteriore del sentimento, dello stato d’animo. L’arte per le due artiste risponde a un’esigenza creativa e si manifesta da diversi anni in opere che coinvolgono emotivamente lo spettatore.
Nelly-DUrso-Donna-di-classe-olio-su-tela.Nelly D’Urso (nata nel 1950) propone opere raffiguranti, in una tematica pregnante di perfezione esecutiva e di toni cromatici, volti, nature morte e fanciulle dove prevale un iperrealismo dalla poetica realista che si concretizza in uno stile personale raffinato. Il taglio pittorico è quello di cogliere e riproporre la realtà ”cosi come viene avvertita”, senza mediazione di alcun filtro interpretativo.
Claudia Viglianisi (classe 1950) come scultrice ha indirizzato la sua ricerca verso tecniche innovative che hanno dato consistenza e costruzione soprattutto alle composizioni astratte, caratterizzate da una disposizione lineare delle forme geometriche. Entrambe le artiste, socie dell’Accademia Federiciana, hanno esposto in prestigiose mostre nazionali.
La mostra, supportata da un catalogo edita dalla Kritios Edizioni, è visitabile tutti i giorni dalle 18 alle 20. Ingresso libero.

 

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *