I vini Etna Doc

Visite: 3056

etna-sicilia-guida-vini

Dalle variegate e fruttuose terre dell’Etna, nascono sei diversi tipi di vino che sono stati riconosciuti con il marchio di Denominazione di Origine Controllata: Etna bianco, Etna bianco superiore, Etna rosso, Etna rosso riserva, Etna rosato, Etna spumante.

Grazie al lavoro di diverse cantine sparse lungo le pendici del vulcano, inoltre si inseriscono nella carta dei vini etnei anche altre varietà, quali ad esempio il Nerello Mascalese tipico della zona di Mascali, da cui prende il nome; il Nerello Cappuccio coltivato a Catania, Messina e in Calabria. A queste si possono aggiungere il Carricante, chiamato così per le produzioni abbondanti, e il Catarratto coltivato in tutta l’isola e presente in particolar modo sull’Etna e a Trapani.

Oggi sul territorio etneo, il lavoro delle cantine punta ad esportare qualità e tradizione fuori dalla Sicilia. Un progetto ambizioso che sta già raccogliendo i primi frutti, e che potrebbe rappresentare un volano per l’economia locale. Di seguito una breve descrizione delle tipologie di vino che vengono prodotti e imbottigliati alle pendici dell’Etna (Etna Wine DOC).

 

Etna D.O.C. (Denominazione di Origine Controllata)

Guida-alle-Cantine-dell'Etna-e-del-Calatino-15Estratto dal nuovo disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata “ETNA” del 27 settembre 2011. La denominazione di origine controllata «Etna» è riservata ai seguenti vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel nuovo disciplinare di produzione.

Etna Bianco
Etna Bianco superiore
Etna Rosso
Etna Rosso riserva
Etna Rosato
Etna Spumante

La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata “Etna” ricade nella provincia di Catania e comprende i terreni di parte dei territori dei comuni di: Biancavilla, S. Maria di Licodia, Paternò, Belpasso, Nicolosi, Pedara, Trecastagni, Viagrande, Aci S. Antonio, Acireale, S. Venerina, Giarre, Mascali, Zafferana, Milo, S. Alfio, Piedimonte, Linguaglossa, Castiglione, Randazzo.

 

Etna Bianco
Carricante minimo 60%
Catarratto bianco comune o lucido da 0 a 40%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 15 % del totale, anche uve provenienti dai vitigni Trebbiano, Minnella bianca e altri vitigni a bacca bianca non aromatici idonei alla coltivazione nella regione Sicilia.
Colore: giallo paglierino, talvolta con leggeri riflessi dorati;
Odore: delicato, caratteristico;
Sapore: secco, fresco, armonico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,5 % vol;

White Etna
Minimum Carricante 60%;
Common white Catarratto or shiny up to 40%.
May contribute to the production of the wine, up to 15% even grapes coming from vineyards Trebbiano, white Minnella and other vineyards to white grape not aromatic taste suitable for cultivation in the region Sicily.
Colour: yellow straw, sometimes with light gilt reflexes;
Smell: delicate, distinctive;
Taste: dry, cool, harmonic;
Minimum total alcoholic content 11,5 %;

 

Etna Bianco superiore
Carricante minimo 80%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 20% del totale, anche uve provenienti dai vitigni Trebbiano, Minnella bianca e altri vitigni a bacca bianca non aromatici idonei alla coltivazione nella regione Sicilia.
Colore: giallo paglierino molto scarico con riflessi verdolini;
Odore: delicato,caratteristico;
Sapore: secco, fresco, armonico, morbido;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00 % vol;

Superior White Etna
Minimum Carricante 80%;
May contribute to the production of the wine, up to 20% even grapes coming from vineyards Trebbiano, white Minnella and other vineyards to white grape not aromatic taste suitable for cultivation in the region Sicily.
Colour: straw very unloaded yellow with greenish reflexes;
Smell: delicate, distinctive;
Taste: dry, cool, harmonic, soft;
Minimum total alcoholic content 12,00 %;

 

Etna Rosso
Nerello Mascalese minimo 80%;
Nerello Mantellato (Nerello Cappuccio) da 0 a 20%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini, fino ad un massimo del 10% del totale, anche uve provenienti da altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Sicilia.
Colore: rosso rubino con riflessi granato con l’invecchiamento
Odore: intenso, caratteristico;
Sapore: secco, caldo robusto, pieno, armonico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50 % vol

Red Etna
Minimum Nerello Mascalese 80%;
Nerello Mantellato (Nerello Cappuccio) up to 20%.
May contribute to the production of the wine, up to 10% even grapes coming from other vineyards to white grape not aromatic taste suitable for cultivation in the region Sicily.
Colour: red ruby with the ageing garnet reflexes;
Smell:intense, distinctive;
Taste: dry, hot, robust, full, harmonic;
Minimum total alcoholic content 12,50 %;

 

Etna Rosso riserva
Nerello Mascalese minimo 80%;
Nerello Mantellato (Nerello Cappuccio) da 0 a 20%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini, fino ad un massimo del 10% del totale, anche uve provenienti da altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Sicilia.
Colore: rosso rubino con riflessi granato con l’invecchiamento;
Odore: intenso, caratteristico;
Sapore: secco, caldo robusto, pieno, armonico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00 % vol

Reserve Red Etna
Minimum Nerello Mascalese 80%;
Nerello Mantellato (Nerello Cappuccio) up to 20%.
May contribute to the production of the wine, up to 10% even grapes coming from other vineyards to white grape not aromatic taste suitable for cultivation in the region Sicily.
Colour: red ruby with the ageing garnet reflexes;
Smell:intense, distinctive;
Taste: dry, hot, robust, full, harmonic;
Minimum total alcoholic content 12,50 %;

 

Etna Rosato
Nerello Mascalese minimo 80%;
Nerello Mantellato (Nerello Cappuccio) da 0 a 20%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini, fino ad un massimo del 10% del totale, anche uve provenienti da altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Sicilia
Colore: rosato tendente al rubino;
Odore: intenso, caratteristico;
Sapore: secco, armonico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50 % vol

Rosé Etna
Minimum Nerello Mascalese 80%;
Nerello mantellato (Nerello Cappuccio) up to 20%.
May contribute to the production of the wine, up to 10% even grapes coming from other vineyards to white grape not aromatic taste suitable for cultivation in the region Sicily.
Colour: rosé tending to ruby;
Smell:intense, distinctive;
Taste: dry, harmonic;
Minimum total alcoholic content 12,50 %;

 

Etna spumante (rosato o vinificato in bianco)
Nerello Mascalese minimo 60%
Possono concorrere alla produzione di detto vino, nella misura massima del 40% altri vitigni idonei alla coltivazione nella Regione Sicilia.
Spuma: fine e persistente
Colore: per il tipo rosato: rosato scarico con riflessi rubino con l’invecchiamento; per il tipo bianco: giallo paglierino scarico, con riflessi dorati con l’invecchiamento;
Odore: intenso e caratteristico, con delicato sentore di lievito
Sapore: pieno, armonico, di buona persistenza; da brut a extradry
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%

Sparkling Etna (rosé or white)
Minimum Nerello Mascalese 60%;
May contribute to the production of the wine, up to 40% even other vineyards suitable for cultivation in the region Sicily.
Foam: fine and persistent
Colour: for the rosé, unloaded rosé with ruby reflexes with ageing; for the white, straw unloaded yellow, with gilt reflexes with ageing;
Smell: intense and distinctive, with delicate hints of yeast;
Taste: full, harmonic, good persistence;from brut to extradry
Minimum total alcoholic content 11,00 %

 

Nerello Mascalese
Origine e zona di coltivazione
Si presume che la piana di Mascali, nei pressi di Catania, sia la sua culla d’origine, da cui il nome Mascalese.

Origin and cultivation area
Which is named after the Mascali plain in Catania where the grape is thought to have originated

Nerello Cappuccio
Origine e zona di coltivazione
Non si hanno notizie sull’origine di questo vitigno. Viene coltivato esclusivamente nelle province di Catania, Messina,Reggio Calabria e Catanzaro.

Origin and cultivation area
There is no information on the area of origin of this grape variety. It is cultivated exclusively in the provinces of Catania, Messina, ReggioCalabria and Catanzaro.

Carricante
Origine e zona di coltivazione
Coltivato in tutta la Sicilia tranne che nelle province di Trapani e Palermo, da più di cento anni, si è affrancato nella provincia di Catania soprattutto nei comuni di Viagrande e ancor più di Milo. Il nome deriva dalla tendenza a dare produzioni abbondanti.

Origin and cultivation area
This grape variety is cultivated everywhere in Sicily except in the provinces of Trapani and Palermo. It is widely grown in the province of Cataniaand in particular in the areas of Viagrande and Milo. The name comes from the natural tendency of this variety to give abundant yields.

Catarratto
Origine e zona di coltivazione
Vitigno indigeno della Sicilia conosciuto da tempo immemorabile. Coltivato in tutta l’isola siciliana, è in particolarmentediffuso sull’Etna e nella provincia di Trapani.

Origin and cultivation area
This grape variety originates from Sicily. It is widely grown on the Etna and in the province of Trapani.

 

Articoli correlati:

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *