Il Lago Trearie nel Parco dei Nebrodi

Visite: 23539

Lago Trearie

È la conca d’acqua più alta della Sicilia a 1.400 mt. Situato a cavallo tra il crinale dei Nebrodi e quello dell’Etna, risulta incastrato fra tre rilievi: il monte omonimo, il Monte Solazzo e il poggio Cartolari.
Dal Lago nasce il Torrente Saracena (uno dei più importati affluenti del Simeto), sicché il deflusso di questo fiume trova una importante riserva nella nostra raccolta d’acqua. Le dimensioni originarie del lago Trearie erano modeste, ma in tempi recenti sono di molto ampliate per effetto di uno sbarramento cementizio sistemato alla testata del suo emissario. Questa dilatazione artificiale ha distrutto tutta la vegetazione riparia naturalmente esistente, che oggi risulta totalmente assente.

percorsoIl percorso fino alla meta è di 8,5 Km e può essere fatto tutto a piedi oppure tutto in auto (meglio se fuoristrada) oppure parte in auto (6 Km) e il rimanente a piedi. In ogni caso il giro del lago e le puntate sui rilievi che lo circondano vanno fatti a piedi.

Per raggiungere il lago raggiungere il Castello di Nelson, sopra Maniace, e subito dopo il piccolo ponte imboccare la strada che si trova alla vostra destra e proseguire dritto sino a raggiungere la contrada Segheria. Proseguire sino al ponte sul fiume Saraceno che è chiuso al transito in auto. Lasciare l’auto e proseguire a piedi. Superato il ponte continuare sulla strada asfaltata alla vostra destra che ci porta fino alla Masseria Trearie (segnata sulla carta). La strada si snoda dentro un fitto bosco di Cerro che si presenta ben maturo e in pieno sviluppo.
Se il percorso viene fatto a piedi incontreremo diversi luoghi di sosta, attrezzati dalla Forestale; in ordine: Margio Salice, Favarella, Chiusitta e Rifugio Trearie. In essi troveremo sorgenti d’acqua potabile e ripari in caso di pioggia.
Dopo qualche tornante compare alla nostra vista il lago. Esso si presenta a forma di cuneo con la parte aguzza sullo sbarramento di cemento che ostruisce il suo deflusso nel torrente Saracena, sopra il quale noi giungeremo.
Alle pendici dei monti che circondano il lago si trova una vegetazione seminaturale, anche se risente dei pesanti interventi degli agricoltori e dei pastori: infatti i primi vi hanno coltivato la Segala; i secondi vi hanno praticato il pascolo intensivo, che ha negato qualsiasi rinnovamento dei boschi lì presenti.
Sul crinale di levante, sotto il Monte Trearie, troviamo un bosco artificiale a Pino d’Aleppo (Pinus halepensis); un bosco analogo si trova sul crinale di nord est, dove al Pino è stato inopinatamente aggiunto l’Abete (Abies alba)! Alla sommità del Monte Solazzo e sulla Cima Salvatorano crescono due bei boschi naturali di Faggio. Nella conca, lungo un impluvio, s’è sviluppata una fettuccia di Pioppo nero (Populus nigra).
Dopo esser giunti in vista del Lago, conviene disporsi a percorrere le sue sponde. A tale scopo ci arrampicheremo dapprima fino alla Faggeta di Monte Solazzo e poi ci dirigeremo verso la Portella Chiesa, un varco che separa questo rilievo dal contiguo poggio Salvatorano. Da questo valico lo sguardo si estende su tutti i Nebrodi. Dopodiché scenderemo lungo il filare dei pioppi e ritorneremo alla briglia di cemento, da dove riprenderemo il cammino inverso, diretti alla Segheria.

(tratto da S. Arcidiacono, Guida Naturalistica della provincia di Catania, Giuseppe Maimone Editore, 2003 Catania)

 

Racconta la tua vacanza in Sicilia, condividi le tue esperienze. Spedisci alla redazione le tue esperienze, i tuoi racconti, le tue segnalazioni e le valutazioni positive o negative indicando il luogo, dove hai soggiornato.

 

Author: Redazione

Share This Post On

6 Comments

  1. Salve , mi sapete dire per favore per arrivare al rifugio tre arie entrando da contrada segheria se il ponte e stato riparato ho meno? , grazie .

    Post a Reply
    • Ciao Antonello. Non sappiamo se il ponte in questione è stato riparato o no, ma proveremo ad informarci. Grazie per averci scritto.

      Post a Reply
    • Ciao Mirko. Il ponte non è stato riparato e dalle notizie prese sul luogo non penso verrà riparato in tempi brevi. Quindi il modo per raggiungere la Masseria Trearie dal lato di Maniace è a piedi. Oppure si può raggiungere il lago dal lato di Floresta ma le strade sono adatte per i fuoristrada.

      Post a Reply
    • Ieri 01 settembre 2017 il ponte era interrotto. Inibito anche il transito pedonale.

      Post a Reply
  2. Salve interesserebbe sapere anke a me se il ponte è stato riparato avete aggiornamenti! Grazie

    Post a Reply
    • Ciao Mirko. Il ponte non è stato riparato e dalle notizie prese sul luogo non penso verrà riparato in tempi brevi. Quindi il modo per raggiungere la Masseria Trearie dal lato di Maniace è a piedi. Oppure si può raggiungere il lago dal lato di Floresta ma le strade sono adatte per i fuoristrada.

      Post a Reply

Rispondi a luigi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *