Catania Agatina: un tour nei luoghi della festa.

Visite: 4003

Nei primi giorni di Febbraio del 251, durante l’ultima fase della persecuzione di Decio contro i non pagani, a Catania si consuma la vicenda del martirio di una giovane fanciulla Agata cristiana arrestata, torturata e uccisa per non aver voluto sacrificare agli dei dell’Impero.

Tra pochi giorni Catania si immergerà nella festa della sua patrona Sant’Agata, e nei giorni che vanno dal 3 al 5 febbraio la città si trasforma mescolando fede e folclore tra il suo barocco unico al mondo.
Ecco come la festa diventa occasione per conoscere e scoprire i luoghi di culto e storici di Catania. Per questo vi segnaliamo questo coinvolgente e interessante tour nella Catania Agatina. Un percorso tra fede e ragione, tra storia e leggenda.

La visita guidata da esperti e qualificati conoscitori della storia di Catania, permetterà di visitare i luoghi più belli del centro storico di Catania come l’Anfiteatro Romano (uno dei più grandi dell’impero) nei pressi del quale, sul sito dove oggi sorge la chiesa di Sant’Agata alla Fornace, si svolse l’ultimo martirio di Agata, la chiesa che conserva i resti dell’Antico Carcere nel quale fu rinchiusa la fanciulla e infine la chiesa di Sant’Agata la Vetere, tradizionalmente indicata come prima cattedrale di Catania dove avvenne il processo ad Agata e dove essa subì il martirio dei seni.
Compatibilmente con le esigenze del culto, si potrà visitare anche la suggestiva chiesa di San Gaetano alle Grotte, nella cui catacomba la tradizione pone il primo sepolcro di Agata oppure la Cattedrale dove si conserva il busto reliquiario ogni anno portato in processione durante le grandi feste di Febbraio.

Questo il percorso dettagliato: Collina di Montevergine (Piazza Dante), Terme della Rotonda, Teatro greco-romano, Odeon, Terme Achilliane (Piazza Duomo), Terme dell’Indirizzo (Piazza Currò).

Il tour Catania Agatina è disponibile su prenotazione ogni giorno a partire dal 31 gennaio. Per maggiori informazioni Tel. 392.5027148.

English version ->

 

 

 

 

Author: Redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *